Curiosità e Consigli

Siete a dieta rigida? La pizza ci può stare!

3 Luglio 2015

Sei a dieta? Ti chiedi quando potrai, un giorno, mangiare di nuovo una buona pizza? Sicuramente non si parla di un piatto dietetico ma non disperiamo, anche in regime ipocalorico, una volta a settimana, si può!

La pizza è fonte di energia fornita dai carboidrati complessi, di grassi buoni e vitamine garantiti dall’olio extravergine di oliva, di proteine e calcio presenti nella mozzarella e di fibre, vitamine ed antiossidanti forniti dal pomodoro. Proprio per queste caratteristiche, oltre a soddisfare tutte le nostre esigenze alimentari, è in linea con lo stile di vita tipicamente mediterraneo. Ecco perchè può fare parte di una dieta sana, stando attenti però a seguire dei piccoli accorgimenti  in base all’apporto calorico che ogni dieta prevede.

Vediamo insieme quali consigli ci aiuteranno a mantenerci in forma non rinunciando al piacere unico che regala uno dei piatti preferiti e più conosciuti del nostro Paese. Innanzitutto la pizza è considerata come piatto unico a base di pasta, completo, e che andrebbe consumato a pranzo o a cena, preferibilmente seguito da un frutto, stando attenti ad eliminare pane e pasta nel resto della giornata. Non risulta necessario adottare degli accorgimenti il giorno dopo il presunto “sgarro alla dieta”. L’impasto ideale prevede una base sottile perchè saziante, più digeribile e meno calorico. Scegliere pizze con meno grassi e più verdure prediligendo le classiche ricche di ingredienti genuini tipici quali olio di oliva, da aggiungere rigorosamente a crudo, mozzarella (poca), pomodoro, verdure grigliate e spezie. Anche se risulterà molto difficile ai più, perchè infinitamente buono, altro piccolo aiutino potrebbe esserci fornito dal non mangiare il “cornicione”.

Esistono diversi tipi di pizza ed un’ attenzione merita la scelta di quella giusta che, in regime ipocalorico, risulta sicuramente la pizza al pomodoro senza aggiunta di mozzarella, è infatti la più digeribile e leggera. Le calorie di una margherita si aggirano intorno alle 600/700 ma, con questi semplici consigli, possiamo ridurre di molto l’apporto calorico potendola equiparare  a poco più di un piatto di pasta ben condita.

Dunque, se siete a dieta, aiutatevi pure con una bella pizza napoletana. Con giudizio ed intelligenza, non esistono privazioni.

Scarica il pdf e continua a leggere l’articolo: Siete a dieta rigida? La pizza ci può stare!

 

Articoli simili

Nessun commento

Rispondi