Il rito della tisana Sport

Tisane per lo sport

29 Luglio 2015

Come è noto, esistono diversi tipi di tisane: per curare la tosse, il raffreddore, il mal di testa o i bruciori di stomaco, tisane dimagranti, tisane rilassanti, tisane lassative e ovviamente anche per l’attività sportiva esistono erbe dalle proprietà benefiche in questo particolare stato a cui sottoponiamo il nostro organismo.

Chi pratica sport intensamente lo sa, i disturbi più frequenti possono essere legati a vari fattori, per esempio a dolori muscolari, strappi, problemi tendinei, fratture e stanchezza. Oppure si ha semplicemente bisogno di rimineralizzare i tessuti e ridare tono, vigore all’organismo provato dallo sforzo e dal dispendio energetico. Vediamo quali sono le tisane ideali per gli sportivi.

In particolare ci focalizzeremo su due tipi di tisane, una “mineralizzante-energizzante” da assumere prima, e una “drenante-rilassante” da assumere  dopo l’attività sportiva.

PRIMA DELLO SPORT

Tisana Alfa- Alfa o Erba Medicabevanda rivitalizzante

tisana erba medica

Ad alto contenuto di minerali, vitamine, proteine ed enzimi, l’ alfaalfa o erba medica, è ritenuta un valido rimedio ricostituente. Coltivata in agricoltura come foraggio per il bestiame,viene assunta come fonte di vitamine e minerali o come integratore per prevenire fenomeni di cancro all’intestino. Contiene: fitoestrogeni (ormoni vegetali), bioflavonoidi (con azione antinfiammatoria, antiossidante e rinforzante dei vasi sanguigni), enzimi digestiviglucosidi (ad azione antitumorale), alcaloidi (a sostegno dell’attività antibiotica e antinfiammatoria), aminoacidi, vitamine A, C,  D, E, K, sali minerali e oligoelementi (calcio, magnesio, fosforo, ferro e potassio) e un alto contenuto di fibre. All’erba medica si ascrivono proprietà stimolanti l’appetito, utile per fegato e disintossicazione, per purificare il sangue e per supportare il sistema immunitario. L’ utilizzo più comune è quello di disintossicante in grado di neutralizzare acidi e tossine. Le fibre assorbono le scorie e favoriscono la motilità intestinale. E’ efficace anche contro la ritenzione idrica nell’ eliminare i liquidi in eccesso. La grande quantità di vitamina K conferisce effetto antiemorragico e ha effetto positivo anche sul colesterolo per la presenza di saponine. Per l’alta presenza di vitamine e minerali è particolarmente indicata prima di un’attività sportiva di una certa intensità che richiede un’alta quantità di questi nutrienti. Sono consigliati sia l‘infuso che decotto. Tenere presente la possibilità di interazione in caso di assunzione di antidiabetici, di terapie ormonali e possibile riduzione dell’efficacia degli anticoagulanti orali dovuta al contenuto di vitamina K.

Preparazione

Portare ad ebollizione la quantità di acqua pari ad una tazza da tè. Spegnere e ad una temperatura di 80 °C aggiungere un cucchiaino di tisana. Lasciare in infusione per 10-15 minuti tenendo coperto. Filtrare e bere 2-3 tazze al giorno lontano dai pasti e ovviamente prima di un’ attività sportiva.

 

Tisana al Tarassaco bevanda riequilibrante

tisana al tarassaco

La tisana al tarassaco è un depurativo naturale per il benessere e la salute del corpo. A partire dalla nota pianta officinale,”Taraxacum officinalae” o “stella gialla,” per il colore del suo fiore, è possibile realizzare un infuso dalle proprietà curative e benefiche. Molto apprezzato per le sue proprietà curative già dall’epoca medioevale, il tarassaco è molto diffuso in Italia, dove è possibile trovarlo nei campi, nei prati, ai bordi delle strade e nelle zone alpine, a un’altitudine massima di circa 2.000 metri. Il tarassaco contiene molte sostanze benefiche che possono risultare utili per l’equilibrio naturale dell’organismo. Tra queste si trovano ad esempio flavonoidi, acido ascorbico, calcio oltre alle vitamine A, B, C e D. Nel tarassaco sono presenti anche acidi fenolici, triterpeni, inulina, pectina, sali di potassio e lattoni. Consumare una tisana al tarassaco assicura alcune proprietà e benefici naturali. Tra questi l’azione diuretica assicurata grazie al suo contenuto di potassio. Combatte inoltre la ritenzione idrica, aiuta a purificare le vie urinarie e stimola la produzione di secrezioni biliari. Un altro effetto benefico fornito dalla tisana al tarassaco è la rimozione dal fegato della quantità di colesterolo in eccesso, aiutandone così la disintossicazione. Azione disintossicante e decongestionante della quale risultano beneficiare anche i reni. Grazie alle sue proprietà è particolarmente indicata dopo un’attività sportiva per ridare il giusto equilibrio al sistema muscolare stressato dall’attività energica a cui è sottoposto, in modo da eliminare le tossine in eccesso e ristabilire un adeguato tono muscolare e un corretto apporto idrosalino. Esistono tuttavia anche alcune controindicazioni da non sottovalutare riguardanti l’assunzione di tarassaco. Ne viene sconsigliato l’utilizzo in caso di patologie collegate all’acidità di stomaco come ad esempio l’ulcera peptica, la gastrite e il reflusso gastro-esofageo. Da evitare anche in caso di occlusione delle vie biliari o reazioni allergiche, mentre sono registrate interazioni con farmaci FANS (Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei), paracetamolo e acido acetilsalicilico (aspirina). E’ consigliato in due somministrazioni giornaliere lontano dai pasti e particolarmente dopo l’attività sportiva. Possono essere eseguiti cicli di due mesi di assunzione, a distanza di tre settimane.

Preparazione.

Mettere 2 cucchiai di tarassaco in un pentolino con 100 ml di acqua in ebollizione. Lasciare in infusione per 5 minuti, filtrare con un colino ed è possibile degustarla anche fredda nelle modalità sopra indicate.

 

 

Articoli simili

Nessun commento

Rispondi