Alimenti Curiosità e Consigli Frutta

Dall’Asia all’Italia: arriva il Nergi!

15 Settembre 2015

Una finestra spalancata sul mondo: Internet. Nell’arco di un’ora viaggiamo con la fantasia, ci riempiamo gli occhi di mille colori e, quasi, ci pare di sentire il gusto dei piatti che catturano le nostra attenzione. Expo 2015 con le sue diverse aree tematiche imperniate sul tema del cibo e della sua importanza per l’umanità, ci insegna che il gusto è conoscenza, ed è proprio così, c’è un mondo da scoprire dentro ogni dispensa.

Nel nostro girovagare tra ristoranti, scaffali di supermercati bio e non, bancarelle di mercati ed eventi gastronomici, libri e siti, mi sono imbattuta in un frutto piccolo e verde, simile all’uva ma uguale al kiwi: direttamente dall’Asia, dove viene consumato da secoli, sulle nostre tavole, il Nergi! Il baby kiwi, anche noto come kiwi siberiano, è appartenente alla famiglia della Actinidia arguta. Nasce dall’incontro di alcune piante di questa specie ma non è OGM, tutt’altro, viene coltivato secondo i principi dell’agricoltura sostenibile e biologica. La forza di questo nuovo frutto è sicuramente il formato piccolo e pratico, non ha la buccia, quindi è pronto da mangiare. E’ un concentrato di vitamina C, ha un contenuto di fibre molto alto, così come di magnesio, oltre ad un basso apporto calorico. Grazie al suo formato può essere facilmente inserito in piatti anche salati, come insalate, spiedini o piatti freddi. Troverete il piccolo frutto nei principali centri commerciali e nei negozi di ortofrutta che punteranno su questo nuovo prodotto, solitamente in vaschette da 125 grammi. Oggi sperimenteremo nella cucina di Forma e Gusto una ricetta a base di nergi… Domani potrete trovarla nella nostra sezione dedicata al gusto!

Articoli simili

Nessun commento

Rispondi