Alimenti Verdura

Scarola, quanto ci fa bene!

31 Dicembre 2015

Il suo nome è Indivia e proviene dall’ Asia Minore, è una verdura dal sapore amarostico di cui ne esistono due varietà, una con foglie strette ed una con foglie larghe. Di cosa stiamo parlando? della nostra  famosissima “scarola riccia”, parente stretta di radicchio e cicoria e piatto tipico delle tavolate invernali “made in Naples”. Verdura autunno-invernale, oltre ad essere ricca di sapore e dal contenuto calorico bassissimo (100 g, 17 Kcal), contiene vitamine e sali  minerali.

Entrando più nel dettaglio, oltre alla presenza di vitamine essenziali del gruppo B, la scarola contiene vitamina A, importante non solo per il corretto sviluppo e funzionamento della retina ma anche perchè aumenta la resistenza alle infezioni, anche a livello cutaneo, risultando un toccasana per il sistema immunitario. Esistono dei fattori che ne diminuiscono l’assimilazione  come alcol, fumo, caffè e medicinali a base di cortisone. Il fabbisogno giornaliero è di 700 RE (retinolo equivalenti) al giorno. Oltre alla A, la nostra Indivia, presenta tracce di Vitamina C che, come è noto, è un antiossidante naturale importante per l’assorbimento del ferro che, oltre a stimolare il sistema immunitario, svolge un ruolo fondamentale nella produzione del collagene, proteina necessaria alla formazione del tessuto connettivo e quindi a rinforzare ossa, muscoli e vasi sanguigni. La carenza di vitamina C causa lo scorbuto che si manifesta con stanchezza, irritazione e fragilità capillare. Il fabbisogno giornaliero è di 50-100 mg al dì. La bomba vitaminica “scarola” possiede anche la vitamina K che, oltre a proteggere le ossa ed avere proprietà antinfiammatorie, è essenziale per la coagulazione del sangue contribuendo alla formazione della protrombina, coinvolta nella riparazione dei danni ai vasi sanguigni. La carenza di vitamina K, che si manifesta con episodi emorragici, è rara in quanto il fabbisogno giornaliero è davvero molto basso (1µg di peso al dì). Oltre al contenuto vitaminico, la scarola contiene minerali quali manganese, rame, ferro, potassio e fibre che, grazie anche al contenuto di acqua, le conferiscono proprietà sazianti. La scarola contribuisce a ridurre i livelli di glucosio e di colesterolo cattivo nei pazienti obesi e diabetici. Sebbene da un punto di vista nutrizionale, sarebbe ottimale consumare la scarola cruda perchè dietetica, nutriente e leggera, durante il periodo natalizio, nNome Indivia, derivazione Asia Minore, di cosa stiamo parlando? della nostra famosissima “scarola riccia”, parente stretta di radicchio e cicoria e piatto tipico lle tavolate natalizie “made in Naples”. Verdura autunno-invernale, oltre ad essere ricca di sapore e dal contenuto calorico bassissimo, (100 g, 17 Kcal) contiene vitamine e sali  minerali. Entrando più nel dettaglio, oltre alla presenza di vitamine essenziali del gruppo B, la scarola contiene vitamina A, importante non solo per il corretto sviluppo e funzionamento della retina ma anche perchè aumenta la resistenza alle infezioni, anche a livello cutaneo, risultando un toccasana per il sistema immunitario. Esistono dei fattori che ne diminuiscono l’assimilazione  come alcol, fumo, caffè e medicinali a base di cortisone. Il fabbisogno giornaliero è di 700 RE (retinolo equivalenti) al giorno. Oltre alla A, la nostra Indivia, presenta tracce di Vitamina C che, come è noto, è un antiossidante naturale importante per l’assorbimento del ferro che, oltre a stimolare il sistema immunitario, svolge un ruolo fondamentale nella produzione del collagene, proteina necessaria alla formazione del tessuto connettivo e quindi a rinforzare ossa, muscoli e vasi sanguigni. La carenza di vitamina C causa lo scorbuto che si manifesta con stanchezza, irritazione fragilità capillare. Il fabbisogno giornaliero è di 50-100 mg al dì. La bomba vitaminica della nostra verdura possiede anche la vitamina K che, oltre a proteggere le ossa ed avere proprietà antinfiammatorie, è essenziale per la coagulazione del sangue contribuendo alla formazione della protrombina, coinvolta nella riparazione dei danni ai vasi sanguigni. La carenza di vitamina K, che si manifesta con episodi emorragici, è rara in quanto il fabbisogno giornaliero è davvero molto basso (1µg di peso al dì). Oltre al contenuto vitaminico la scarola contiene minerali quali manganese, rame, ferro, potassio e fibre che, grazie anche al contenuto di acqua, le conferiscono proprietà sazianti. La scarola contribuisce a ridurre i livelli di glucosio e di colesterolo cattivo nei pazienti obesi e diabetici. Sebbene da un punto di vista nutrizionale, sarebbe ottimale consumare la scarola cruda perchè dietetica, nutriente e leggera, non diciamo di no alle ricette che la vedono cotta ed utilizzata come contorno assieme ad uvetta, pinoli e olive o come farcitura di pizze, pani o paste ripiene.

Articoli simili

Nessun commento

Rispondi